Cammino di preghiera _ 3 tappa_LA PREGHIERA del “povero”

Condividi sui social!

 

LA PREGHIERA del povero

La povertà rappresenta un atteggiamento fondamentale nella preghiera.

Povertà come manifestazione del proprio nulla ed esplorazione,

coraggiosa e discreta, del tutto di Dio.

Se l’attesa è espressione della speranza,

la povertà è espressione di fede.

Nella preghiera è povero colui

che si riconosce dipendente da un altro.

Rinuncia a fondare la vita su se stesso, sui propri progetti,

le proprie risorse, le proprie sicurezze, ma le aggancia a Dio.

 Il povero rinuncia a fare dei conti.

Preferisce “contare” su Qualcuno!

Il povero si fida del Dio che interviene, ma anche del Dio che non si fa sentire.

Del Dio che si manifesta, come del Dio che non dà alcun segno…..

Si tratta di arrendersi ad un Dio che ti dice quando è ora di partire (subito!),

ma non ti rivela quando arriverai.

L’unica costante è la provvisorietà.

L’unico conforto la precarietà.

L’unica ricchezza una promessa.

L’unico fatto una Parola.

L’orante non è un benestante dello spirito,

ma un accattone inguaribile,

che elemosina frammenti, schegge di luce.

La sua sete lo fa diffidare delle cisterne, ma lo porta a ricercare incessantemente la sorgente.

La preghiera non è degli “arrivati”, ma dei pellegrini, la cui bisaccia sforacchiata non contiene un gruzzolo che aumenta, bensì il necessario che si esaurisce la sera stessa.

Soltanto chi è povero di tempo riesce a regalare del tempo a Dio!

Difficilmente chi possiede del tempo in abbondanza

(e lo sperpera disinvoltamente) trova tempo per pregare.

Al massimo, si limita a dare gli scarti.

Il povero compie il miracolo di donare a Dio,

nella preghiera, il tempo che non ha.

Il tempo che gli manca.

Il tempo necessario, non quello superfluo.

E lo dà con larghezza, senza misurare.

Attraverso la preghiera, il povero si fida dell’intervento di Dio “nell’istante”.

“Quando vi condurranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi come discolparvi, o che cosa dire; perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire” (Lc. 12,11).

La preghiera povera è la preghiera sobria, discreta, dimessa.

Il povero che prega non ha paura della debolezza,

non si preoccupa del numero, della quantità, del successo.

Il povero che prega scopre la forza della debolezza!

“ Quando sono debole, è allora che sono forte” (2 Cor. 12,10).

Il povero non cerca gratificazioni emotive nella preghiera.

Né elemosina facili consolazioni.

Sa che l’essenza della preghiera non consiste nella gioia sensibile.

Il povero cerca Dio anche quando Dio lo delude,

si nasconde, sparisce nella notte.

Lui sta lì, senza cedere alla stanchezza,

aggrappato alla volontà più che al sentimento,

nella fedeltà di un amore disposto ad accettare qualunque prova.

Sa che l’incontro, qualche volta, si realizza nella festa.

Ma, più spesso, si consuma in una veglia interminabile.

La “notte oscura”, il freddo, l’angoscia, la non risposta,

la lontananza, l’abbandono, il non capire nulla,

sono il “sì” più costoso che il povero è chiamato a dire nella preghiera.

Il povero si ostina a tenere aperta la porta a questo Dio che si nega.

La lampada accesa non ha lo scopo di riscaldare.

Ma di segnalare una fedeltà sofferta.

Se non accetti che la preghiera ti spogli delle apparenze,

ti liberi dagli ingombri, ti prenda tutte le cose inutili,

ti strappi le maschere, non sperimenterai mai che cos’è la preghiera.

La preghiera è un’operazione di perdita.

Non si prega perché si vuole avere.

Ma perché si acconsente a perdere!

Nella preghiera Dio ti fa scoprire, prima di tutto,

ciò di cui non hai bisogno, di cui devi fare a meno.

C’è un “troppo” che deve lasciar posto all’essenziale.

C’è un “di più” che deve dare spazio all’unico necessario.

Pregare non significa accumulare, ma spogliarsi,

per ritrovare la nudità e la verità del proprio essere.

La preghiera è un lungo, paziente lavoro di semplificazione della propria vita.

Pregare = voce del verbo sottrarre!!

Fino a far annegare la nostra minuscola isola di soddisfazione,

per lasciarci sommergere dall’oceano di Dio,

dai progetti folli del Suo Amore;

fino ad ottenere il miracolo del nulla che sfiora l’Infinito!

Il tutto di Dio si colloca unicamente in quel niente

che è uno spazio, aperto dalle mani vuote e da un cuore puro.

Finora abbiamo ripetuto:

ATTESA = SPERANZA

POVERTA’ = FEDE

Adesso aggiungiamo una terza disposizione per la preghiera:

INSODDISFAZIONE = DESIDERIO

La preghiera è destinata a coloro

che non si rassegnano al fatto che le cose

debbano restare così come stanno.

Quando un uomo si confessa insoddisfatto

e desidera tendere verso qualcos’altro,

allora è adatto per la preghiera.

Allorchè uno è disposto a perdere tutto

per tentare l’avventura, per rischiare il nuovo,

per abbandonare le abitudini, allora la preghiera fa per lui.

La preghiera è per chi non si arrende!

Qualcuno ha definito il Cristiano “un contento insoddisfatto”.

Contento di ciò che il Padre è per lui e fa per lui,

insoddisfatto del suo modo di essere figlio,

fratello e cittadino del Regno.

La preghiera è infatti, allo stesso tempo,

causa di gioia e principio d’inquietudine.

Pienezza e tormento.

Tensione tra il “già” e il “non ancora”.

Sicurezza e ricerca.

Pace e…brusco richiamo a ciò che resta da fare!

Nella preghiera restiamo sbalorditi

di fronte alla grandiosità illimitata

dell’invito del Padre, ma avvertiamo

la sproporzione tra la Sua offerta e la nostra risposta.

Si imbocca la strada della preghiera

solo dopo aver coltivato germi d’inquietudine.

Qualcuno di noi è soddisfatto quando “ha detto le preghiere”.

Dobbiamo scoprire, invece,

che l’insoddisfazione costituisce la condizione della preghiera.

“ Guai a voi che ora siete sazi!” (Luca 6.25)

Preghiera degli indiani Sioux

Grande Spirito, la cui voce sento nel vento,

il cui soffio dà vita a tutto il mondo, ascoltami!

Io vengo davanti al Tuo volto come un Tuo figlio.

Ecco, io sono debole e piccolo davanti a Te;

ho bisogno della Tua forza e della Tua sapienza.

Fammi gustare la bellezza del creato e fà che i miei occhi

contemplino il tramonto rosso di porpora.

Le mie mani devono essere piene di rispetto

per le cose che Tu hai creato e per gli insegnamenti

che Tu hai nascosto in ogni foglia e in ogni roccia.

Io desidero la forza, non per essere superiore ai miei fratelli,

ma per poter combattere il mio più pericoloso nemico: me stesso.

Fammi sempre capace di venire a Te con mani pure e

con sguardo sincero, affinché il mio spirito,

quando la vita svanirà come il sole al tramonto,

possa giungere a Te senza doversi vergognare.

Cammino di preghiera

http://oasidiengaddi.it/mistica/

Print Friendly, PDF & Email