Si può vivere così? Don Luigi Giussani

Condividi sui social!

giussani

Cambiamento di mentalità vuol dire diventare da bambino, grande;

comprendere il mondo e godere del mondo, dell’essere.

Non c’è niente che faccia capire la verità del mondo e godere di essa come l’offerta: giungere al massimo della maturità che è l’offrire a Dio.

Offrire a Dio vuol dire riconoscere che la cosa che abbiamo tra mano è fatta di Lui, che la nostra azione è fatta da un Altro, è fatta di un Altro, non è fatta da me che sono un niente, tutto infatti mi è dato; ed è fatta da me “per”, perchè si svelino le voci della musica polifonica, perchè si svelino, uno dopo l’altro, i tratti della faccia di Cristo.

Fin quando si è piccoli non si capisce niente e sembra tutto astratto: per il bambino piccolo, salvo il cibo e chi glielo dà, tutto è astratto.

Ma raggiungendo i sei anni, i dieci anni, i quattordici anni, i vent’anni, i quarant’anni, fino a lì puoi rimanere ancora un pò bambino – parto dalla ricognizione della mia gente, fino a quarant’anni possono rimanere ancora bambini! -, ma dopo si sfonda: o uno sfonda se stesso, vale a dire dorme (ma tutto il tempo, però!) e le cose lo piallano, il tempo lo pialla, gli avvenimento lo piallano, oppure incomincia a capire.

Da: “Si può vivere così?” di Don Luigi Giussani, ed. Rizzoli

Print Friendly, PDF & Email