Il Realismo Esistenziale

Condividi sui social!

Il Realismo Esistenziale

«Concedimi, Signore, di conoscere e capire se si deve prima invocarti o lodarti, prima conoscere oppure invocare. Ma come potrebbe invocarti chi non ti conosce? Per ignoranza potrebbe invocare questo per quello. Dunque ti si deve piuttosto invocare per conoscere? Ma come invocheranno colui, in cui non credettero? E come credere, se prima nessuno dà l’annunzio?. Loderanno il Signore coloro che lo cercano?, perché cercandolo lo trovano, e trovandolo lo loderanno. Che io ti cerchi, Signore, invocandoti, e t’invochi credendoti, perché il tuo annunzio ci è giunto. T’invoca, Signore, la mia fede, che mi hai dato e ispirato mediante il tuo Figlio fatto uomo, mediante l’opera del tuo Annunziatore».

«Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei mari, dei fiumi, delle stelle; e passano accanto a se stessi senza meravigliarsi».

Sant’Agostino


Non vivere, ma morire, e non digrossar la croce ma salirvi, e dare in letizia ciò che abbiamo. Qui sta la gioia, la libertà, la grazia, la giovinezza eterna!”

La vita è una grande avventura verso la luce.”

Che vale il mondo rispetto alla vita? E che vale la vita se non per esser data?”

Santità non è farsi lapidare in di Paganía o baciare un lebbroso sulla bocca, ma fare la volontà di Dio, con prontezza.”

 

Il tempo è il peccato dell’eternità.”


Paul Claudel


Seconda lettera ai Tessalonicesi – 2

1Riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e al nostro radunarci con lui, vi preghiamo, fratelli, 2di non lasciarvi troppo presto confondere la mente e allarmare né da ispirazioni né da discorsi, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia già presente.
3Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti verrà l’apostasia e si rivelerà l’uomo dell’iniquità, il figlio della perdizione, 4l’avversario, colui che s’innalza sopra ogni essere chiamato e adorato come Dio, fino a insediarsi nel tempio di Dio, pretendendo di essere Dio.
5Non ricordate che, quando ancora ero tra voi, io vi dicevo queste cose? 6E ora voi sapete che cosa lo trattiene perché non si manifesti se non nel suo tempo. 7Il mistero dell’iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo colui che finora lo trattiene. 8Allora l’empio sarà rivelato e il Signore Gesù lo distruggerà con il soffio della sua bocca e lo annienterà con lo splendore della sua venuta. 9La venuta dell’empio avverrà nella potenza di Satana, con ogni specie di miracoli e segni e prodigi menzogneri 10e con tutte le seduzioni dell’iniquità, a danno di quelli che vanno in rovina perché non accolsero l’amore della verità per essere salvati. 11Dio perciò manda loro una forza di seduzione, perché essi credano alla menzogna 12e siano condannati tutti quelli che, invece di credere alla verità, si sono compiaciuti nell’iniquità. […]


 

Sono in opposizione alla concezione moderna da polli di allevamento. Da quando mi sono reso conto di aver vissuto la vita in pieno tempo del Misterium Iniquitatis, sempre più evidente, allora le attrattive del mondo, che così in crisi mette le anime che cercano spunti vitali, allora è iniziata la mia liberazione dalle sue catene.

 

Il bambino rimase scioccato, vedere quell’esserino come lui, là, su quel letto bianco, immobile, gli fece pensare che c’era un lato nascosto che non conosceva, il lato scuro della luna che non vediamo o non vogliamo vedere. Quel lato oscuro che va illuminato durante la nostra vita.

Allora chiese alla madre perché quel bambino fosse lì immobile e non giocasse più.

Vedi, voleva mangiare solo dolci e bere bibite, gli hanno fatto male ed è morto, non c’è più, è in Cielo con gli angeli”.

Come contrastavano tutti quei fiori, così annunciatori di gioia, con la scena che aveva dinanzi agli occhi.

Da quel giorno comprese che il tema vero per l’uomo era la morte e quindi, quello era un ostacolo da superare per dar senso all’esistenza e trovare la gioia.

La scienza, la tecnica, quando è posta nelle mani di chi ha una mentalità incentrata sull’autonomia umana, sa concepire la vita come un sistema di cui devi capire le regole, sfruttando la casistica, la statistica, il rasoio di Occam e il pettine di plastica. L’uomo, animale tra gli animali, cerca ogni mezzo per perpetuare in eterno la propria vita, ricorrendo alle scoperte scientifiche.

Tutto ciò viene concepito in modo pragmatico, annullando ogni tipo di morale che potrebbe subentrare, non essendoci problemi morali quando l’uomo riesce a vivere per sempre. Una gran massa di uomini in competizione, alla ricerca di organizzazioni inglobanti che sappiano corrispondere ad ogni tipo di libertà.

Come si vede, diviene un’equazione impossibile e disumana.

Quando non si ricerca la Verità con umiltà e senso di meraviglia, sentendosi creature di qualcosa di più alto, allora vivere diviene impossibile.

Ogni storia umana ha il suo significato per come e dove Dio l’ha collocata, partecipando attivamente al progetto della Redenzione.

 

Remo Rosati

7 Giugno 2019

 

L’autore Remo Rosati rivendica i diritti sui testi riportati nel sito a sua firma

Print Friendly, PDF & Email