Ci sono due modi di soffrire: soffrire amando e soffrire senza amare_Giovanni Maria Vianney (il santo Curato d’Ars)_

Condividi sui social!

Ci sono due modi di soffrire: soffrire amando e soffrire senza amare.

I Santi soffrivano tutti con pazienza,

gioia e perseveranza, perché amavano.

Noi soffriamo con rabbia, dispetto e noia, perché non amiamo.

Se amassimo Dio, saremmo felici di poter soffrire,

per amore di Colui che ha accettato di soffrire per noi…

Voi dite che è duro?

No, è dolce, e consolante, è soave, è la felicità…

Soltanto, bisogna amare quando si soffre, e soffrire amando.

Colui che va incontro alla Croce,

cammina in senso inverso alle croci;

egli le incontra forse, ma è contento di incontrarle;

le ama, le porta con coraggio.

Lo uniscono a nostro Signore.

Lo purificano.

Lo distaccano da questo mondo.

Tolgono gli ostacoli dal suo cuore

e lo aiutano ad attraversare la vita

come un ponte aiuta a passare l’acqua.

Giovanni Maria Vianney (il santo Curato d’Ars)

 

Print Friendly, PDF & Email