Archivi categoria: Dialoghi nell’Oasi

Momento liturgico

La Provvidenza dispone e fa in modo che le situazioni divengano diverse da quelle che avevamo preventivato. Ti ritrovi così, causa l’affollamento per un matrimonio, che ostacola il parcheggiare l’auto, ad andare in una determinata Chiesa,  dove il parroco è stato da poco insediato. Porta quindi, questo sacerdote, la sua esperienza, il suo vissuto e le sue idee. Si nota la diversa dislocazione degli oggetti dello spazio liturgico. Non c’è un altare centrale ma solo quello principale, sul quale il sacerdote, dando le spalle all’assemblea, e rivolgendosi ad essa solo nei momenti necessari, esplica il momento eucaristico in lingua latina. Il resto della Messa è in italiano. L’omelia è stata omessa per parlare delle situazioni liturgiche, perché, a quanto pare c’è bisogno di recuperare la centralità di Dio in Chiesa, dove il sacerdote e l’assemblea non sono protagonisti, ma lo è Dio. Per la Comunione si è aggiunto un inginocchiatoio per permettere a chi lo volesse di fare la Comunione nel modo mai vietato dalla Chiesa, cioè inginocchiati. E’ stata una cattiva interpretazione, così è detto, pensare che fosse abolita tale pratica dell’inginocchiarsi, è invece possibile insieme all’uso delle mani e della Comunione in piedi direttamente in bocca.... Read More | Share it now!