Angolo Valtortiano

Condividi sui social!

 

da: Il libro di Azaria cap.14 – ed. CEV

 

E tu, anima mia, ricorda questo:

” Quando ogni gioia umana e’ scomparsa da un lavoro eppure si continua

quel lavoro col solo spirito sopranaturale di dare gloria a Dio e aiuti

ai fratelli, allora e’ che il lavoro si soprasantifica e

supernaturalizza, divenendo proficuo “.

Questo ricorda. E cio’ che ti schiaccia, ti sostenga insieme. Sali,

sali, sino all’ultima vetta, col tuo peso santo del Tesoro di Dio.

Scrivi, scrivi, fino all’ultima parola, anche se ogni parola ti strappa

una lacrima sapendola perla destinata a giacere ignota e percio’ inutile

a tanti che ne hanno invece bisogno. La tua carita’, anima vittima,

verso Dio che ti parla, verso i fratelli che attendono, sara’ sempre

attiva anche se la tiepidezza umana non sa scuotersi e rendere attivo il dono di Dio.

 

Biografia

 

Maria Valtorta nacque a Caserta il 14 marzo 1897, figlia unica di un ufficiale di Cavalleria e di una insegnante di francese, entrambi lombardi. Crebbe e si formò in varie città del nord (Faenza, Milano, Voghera)mostrando un carattere forte, spiccate capacità umane e straordinarie doti spirituali. Completò i suoi studi nel prestigioso Collegio Bianconi di Monza.

Durante la prima guerra mondiale fu infermiera “samaritana” nell’Ospedale Militare di Firenze, città in cui abitò a lungo e dove fu segnata dalle prove più dure, procurate dalla terribile mamma, che per due volte infranse il suo legittimo sogno d’amore, e da un sovversivo, che per strada le sferrò una bastonata alle reni. Si ritemprò, in parte, con una vacanze di due anni a Reggio Calabria, presso parenti facoltosi ed affezionati.

Nel 1924 si stabiliva con i genitori a Viareggio, dove fu impegnata in Parrocchia come delegata di cultura per le giovani di Azione Cattolica. Intanto le sue sofferenze aumentavano e la sua ascesi culminava in eroiche offerte di sè per amore a Dio e all’umanità. La sua vera missione, quella di scrittrice mistica, maturò e si svolse negli anni centrali della sua lunga infermità, che la costrinse a letto dal 1934 fino alla morte, avvenuta a Viareggio il 12 ottobre 1961.

Nel 1943, inferma da nove anni, Maria Valtorta aderì ad una richiesta del confessore e scrisse l’Autobiografia. Svelando il suo talento di scrittrice, riempì di getto sette quaderni per narrare senza reticenze la propria vita, umana fino alla passionalità, ascetica fino all’eroismo.

Subito dopo dava inizio ad una produzione letteraria prodigiosa. Stando seduta nel letto, Maria Valtorta scriveva di suo pugno su comuni quaderni, di getto, senza preparare schemi ne correggere. Spesso alternava la stesura degli episodi dell’opera maggiore con quella di altri argomenti, che avrebbero poi dato corpo alle opere minori.

 

 

L’epilogo

Finita quasi di scrivere l’opera maggiore, quella in dieci volumi dal titolo “L’Evangelo come mi è stato rivelato”, Maria Valtorta fu pressa dalla nostalgia del suo Signore, pensando di non doverlo più vedere. Ma Egli venne a consolarla con una promessa: “Io sempre verrò. E per te sola. E sarà ancora più dolce perchè sarò tutto per te…ti porterò più su, nelle pure sfere della pura contemplazione….D’ora in poi contemplerai soltanto… ti smemorerò del mondo nel mio amore”.
Era il 14 marzo 1947, giorno del suo 50° compleanno.
Già da alcuni anni, il 12 settembre 1944, Gesù le aveva predetto una morte estatica: “Come sarai felice quando ti accorgerai di essere nel mio mondo per sempre e d’esservi venuta, dal povero mondo, senza neppure essertene accorta, passando da una visione alla realtà, come un piccolo che sogna la mamma e che si sveglia con la mamma che lo stringe al cuore. Così Io farò con te”.
Sta di fatto che, a partire dal 1956, Maria iniziò a dare segni di un distacco psichico, che gradualmente diventava, negli anni successivi, incomunicabilità, dolce apatia, abbandono totale, ma che non fece mai smorzare sul suo viso la vivezza dello sguardo o alterare la serenità dell’espressione, senza peraltro far trapelare i dolori che ancora dovevano tormentarla.
Si spense nella mattina di giovedì 12 ottobre 1961, mentre un sacerdote le recitava la preghiera degli agonizzanti: “Parti, anima cristiana, da questo mondo”. Aveva 64 anni di età ed era a letto da 27 anni e mezzo.

Dodici anni dopo, il 2 luglio 1973, i resti mortali di Maria Valtorta, traslati dal Camposanto della Misericordia in Viareggio, furono tumulati a Firenze, in una cappella nel Chiostro grande della basilica ddell Ss. Annunziata.
La sua tomba a Firenze e la casa in cui visse in Viareggio sono meta di visitatori devoti e grati: i lettori delle sue opere, sparsi nel mondo.

 

 

In cammino verso la Verità